Google Glass e mal di testa: Facciamo chiarezza

Luca Mercatanti
26 feb 2014

Diverse sono state le lamentele nei giorni passati per il forte mal di testa accusato dagli utenti Explorer durante lutilizzo dei Google Glass. La notizia è rimbalzata in Rete e per arginare le polemiche Google ha deciso di rilasciare una serie di punti da seguire per sottolineare quando sia necessario (e quando sia meglio evitare) utilizzare i Google Glass senza incorrere in rischi di diverso tipo, tra cui, appunto, lemicrania.La prima lamentela che è rimbalzata in Rete è stata quella di Chris Barret, uno degli sviluppatori che sta utilizzando i Glass:

Il primo mal di testa è cominciato durante la prima settimana di utilizzo. Indossavo ogni giorno i Google Glass, al supermercato, da Starbucks, ogni cosa facessi erano sul mio naso

Secondo lui la causa di tale emicrania è dovuta alla necessità di muovere continuamente locchio per osservare le notifiche del dispositivo. Già un anno fa il Dott. Nathan Bonilla-Warford aveva spiegato sul Blog Mashable che i Glass non erano adatti ad un uso prolungato:

Gli occhiali sono davvero troppo vicini agli occhi per poter mettere a fuoco correttamente un oggetto. Per questo il display altera la luce in modo che l’immagine venga percepita dallalto e ad una distanza paragonabile ai 2 metri. Ma nonostante l’effetto, la visione può ancora suscitare problemi.

Insomma, i Google Glass saranno un dispositivo innovativo, ma da utilizzare, almeno per le persone più sensibili, solo per brevi periodi durante la giornata. Sapremo sicuramente di più non appena saranno immessi sul mercato, ad una data non ancora precisata ufficialmente.

Articoli molto simili

1 Commento

  1. Sanietto

    Da quello che si capisce,l immagine viene sparata in alto,se il visore fosse montato in basso lo sforzo mantenere la posizione della pupilla renderebbe sicuramente meno stressante l uso :-)

Lascia la tua opinione