Google Glass non sarà un dispositivo autonomo

Luca Mercatanti
28 feb 2013

Nonostante moltissimi pensassero che i Google Glass fossero un dispositivo autonomo ed indipendente da qualsiasi altra tecnologia, dopo la pubblicazione del brevetto e della prima recensione scritta da una persona non facente parte dello staff che sta lavorando al progetto si è scoperto che per il loro corretto funzionamento è necessario il collegamento con uno smartphone.

I Google Glass, da quanto si può leggere dal brevetto, non dispongono infatti di un modulo 3G (o LTE), ma semplicemente di una connessione WiFi e Bluetooth. Sempre secondo la documentazione ufficiale è inoltre necessario uno smartphone per il caricamento delle app allinterno degli occhiali, per fornire lelaborazione dei dati di cui necessita e per la memorizzazione dei dati (i video, le foto e laudio verranno infatti memorizzati allinterno di uno smartphone e non allinterno degli occhiali).

Le motivazioni che hanno indotto Google a tale decisione sono semplici: prima di tutto hanno permesso di realizzare un paio di occhiali leggeri ed i costi sono inoltre abbattuti, così come la nocività di quello che poteva essere una segnale 3G costantemente attivo al cranio.

Articoli molto simili

Lascia la tua opinione